champions-league

E’ notizia di qualche giorno fa che la UEFA ha approvato per il triennio 2018-2021 la nuova formula che allarga la forbice tra i club più importanti e quelli meno blasonati del continente, garantendo più ricavi per i primi e briciole per i secondi, ma entriamo nel dettaglio.

La nuova formula strizza l’occhio all’Italia

Ebbene sì, il nuovo format porterà da 3 a 4 i posti per il torneo più ambizioso dell’Europa. E’ vero che ci saranno sempre 32 club, ma questa volta ben 4 saranno italiani, che si aggiungono ai 4 posti fissi per la Germania, Inghilterra e Spagna, le 3 nazioni che ci precedono nel ranking UEFA. Ma dobbiamo tenerci caro questo quarto posto, perchè alle nostre spalle ci sono Francia, Portogallo e Russia che invece ne prendono 2 e per finire Olanda, Belgio, Svizzera, Ucraina e Turchia che invece hanno un solo posto. Godrà di un alto coefficiente i risultati che ottengono i club in questa competizione, quindi occhio alla Francia che grazie al PSG ma anche al Monaco sta consegnando un bel gruzzolo di punti alla propria nazione.

Più profitto

Come abbiamo già accennato ci saranno più ricavi per i club più blasonati. Infatti il nuovo sistema prevede una retribuzione che si basa su 4 pilastri: contributo iniziale, rendimento nella competizione, coefficiente individuale per club e market pool. Inoltre la % maggiore della retribuzione deriverà dai risultati sportivi, quindi occhio a come ci comportiamo in Europa.

Conclusioni

Questo nuovo format non può che essere positivo per l’Italia ma bisogna pur capire che non possiamo vivere di rendita anche perchè alle nostre spalle ci sono nazioni che non stanno a guardare, anzi tutt’altro. Basti guardare la Francia appunto, che proprio qualche giorno fa ha ipotecato i quarti con una prova mostruosa contro un Barcellona irriconoscibile, un Messi annullato e appunto un 4-0 che si commenta da solo. Non dimentichiamoci poi il Monaco che sta dominando in Ligue 1 a suon di gol, una media di 3 reti a match, e che attende il Manchester City nella prossima settimana, quindi italiane rimboccatevi le maniche e fatevi rispettare in Europa!

Commenti Facebook

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here