remuntada roma

Dopo questa 3 giorni europea eccoci con le ennesime pagelle delle 3 squadre rimaste. Partiamo come di consueto dalla Champions per poi chiudere con la Lazio per l’Europa League.

Roma (voto 10): Sicuramente una partita degna di nota, che rimarrà nel ricordo di tutti gli sportivi, soprattutto quelli italiani, per una impresa davvero ai limiti dell’immaginabile. Infatti dopo il 4-1 subito al Camp Nou, nessuno si sarebbe aspettato il passaggio del turno dei giallorossi, magari un loro successo in casa, ma non un 3-0. Ed invece a pochi minuti dal fischio d’inizio ci pensa Dzeko ad indirizzare il match sul binario favorevole. I 60000 esplodono, tutti ci credono, compresi gli 11 leoni scesi in casa. La scelta delle due punte con Schick a fianco del bosniaco sembra azzeccata, Barcellona in completo sbando, nessun tiro in porta da parte dei catalani che si rendono pericolosi soltanto con le due punizioni di Messi. Poi arriva il rigore trasformato da De Rossi e conquistato sempre dal solito Dzeko. La chiude Manolas che su calcio d’angolo anticipa tutti e mette a segno il definitivo 3-0 che manda a casa il Barcellona mentre la Roma festeggia come se avesse vinto la Champions. Ora occhio alle semifinali, ma arrivati a questo punto è la Roma a far paura alle avversarie.

Juventus (voto 8): diamo comunque un voto alto ai bianconeri protagonisti di una notte che rimarrà nella storia nel bene e nel male. Infatti anche loro come la Roma hanno segnato subito grazie al colpo di testa di Mandzukic. Poi arriva il secondo e il terzo con Matuidi. Tutti cominciano a pensare ai supplementari. Ma a qualche secondo dalla fine fallo in area per presunto contatto di Benatia su Lucas e l’arbitro non ha dubbi, è rigore. Tutti i giocatori della Juventus circondano l’arbitro con Buffon il più nervoso che viene subito espulso, per il marocchino autore del fallo neanche un cartellino, il che lascia pensare ad una situazione piuttosto inverosimile anche se il fallo, neanche con l’ausilio del VAR, si poteva giudicare in maniera corretta. Così CR7 realizza dagli 11 metri un rigore perfetto che porta il Real alle semifinali diventando così i favoriti per la vittoria del titolo finale.

Lazio (voto 5): insufficienza per i laziali che peccato di inesperienza visto il buon risultato ottenuto all’andata. Primo tempo noioso con la gara in controllo. Dopo 10′ dalla ripresa ecco il gol di Immobile, che indirizza il match a favore dei biancocelesti ma è di li a poco che avviene il black out. Nonostante il 4-2 dell’andata, e i titolari scesi in campo, il Salisburgo pareggia dopo qualche secondo con Dabbur, poi ben 3 gol in 5 minuti a metà del secondo tempo che mandano nel pallone gli ospiti incapaci di reagire. Il match terminerà dunque 4-1 per gli austriaci che in virtù dei 2 gol realizzati a Roma riescono a passare il turno. Grande rammarico per Inzaghi che evidentemente non si aspettava una ripresa così fatale da parte degli avversari capaci di ribaltare un risultato così importante come quello dell’andata.

Commenti Facebook