Quando De Laurentiis ha scelto Carlo Ancelotti per la guida del suo Napoli, insieme al tecnico ex Bayern Monaco, ha acquistato anche la sua lista della spesa. Congedato Sarri con un “amaro” “Addio”, vediamo subito quali potrebbero essere gli obbiettivi di mercato per il nuovo Napoli.

Ancelotti è un tecnico esigente. Abbiamo stimato una spesa tra i 150 e i 200 milioni per accontentarlo. Per spendere una tale cifra, è importante anche vendere. Sul tavolo delle cessioni finiscono: Hamsik, Mertens, Callejon, e forse anche Insigne. Dalla vendita di questi elementi, la società dovrebbe ricavare una cifra che si aggira intorno ai 140 milioni, che andrebbero dunque ad ammortizzare lo sforzo dei 200, che in questo caso, potrebbe spingersi anche fino a 240/250 milioni.

La lista della spesa:
Porta: 
i nomi caldi per sostituire il partente Reina sono quelli di: Leno (Bayer Leverkusen), Areola (PSG), Butland (Stoke City)

Difesa: in questo reparto, il tecnico, ritiene Koulibaly incedibile. Ad affiancarlo, dovrebbe essere David Luiz (Chelsea). A destra confermato Hysaj, ma bisogna prendere una riserva. A sinistra Ghoulam, più Bernat (Bayern Monaco) o Digne (Barcellona).

Centrocampo: Ancelotti vuole provare a rilanciare Renato Sanches, promessa che ricorderete sicuramente per l’Europeo giocato a grandi livelli nonostante la giovane età, ma che si è perso per strada. Insieme a lui, il sogno si chiama Arturo Vidal, ma il giocatore cileno ha fatto già sapere attraverso il suo agente che se tornerà in Italia sarà alla Juventus. Si cerca anche di far tornare nel nostro campionato l’ex Roma Paredes, ora in forza allo Zenit. Per Rabiot c’è da battere la concorrenza della Juventus. Seguito da vicino Fabian Ruiz del Betis.

Attacco: il sogno si chiama Karim Benzema. Sugli esterni si lavora per Chiesa (Fiorentina), Malcolm (Bordeaux), Suso (Milan), Ozil (Arsenal). Resta ancora da capire se la squadra sarà costruita per giocare con un 4-3-3 o con un 4-2-3-1. Sappiamo solo che ci aspetta un mercato infuocato.

Commenti Facebook