TOPSHOT - Brazilian superstar Neymar poses with his new jersey during his official presentation at the Parc des Princes stadium on August 4, 2017 in Paris after agreeing a five-year contract following his world record 222 million euro ($260 million) transfer from Barcelona to Paris Saint Germain's (PSG). Paris Saint-Germain have signed Brazilian forward Neymar from Barcelona for a world-record transfer fee of 222 million euros (around $264 million), more than doubling the previous record. Neymar said he came to Paris Saint-Germain for a "bigger challenge" in his first public comments since arriving in the French capital. / AFP PHOTO / Lionel BONAVENTURELIONEL BONAVENTURE/AFP/Getty Images

Lo scorso hanno ha fatto scalpore il passaggio di Pogba dalla Juventus al Manchester United per circa 105 milioni, ma quest’anno si fa di meglio, anzi si raddoppia con la cessione di Neymar al PSG per la cifra mostruosa di 222 milioni di euro. Sembrava una cifra irraggiungibile da nessun club ma i blaugrana all’offerta dello sceicco non hanno potuto dire di no. Così il talento brasiliano passa al club di Parigi dove ha firmato un contratto di 5 anni per circa 30 milioni a stagione. Dunque questo trasferimento raggiunge la cifra di ben 500 milioni di euro, circa mezzo miliardo. Molti gli interrogativi con l’ennesimo trasfertimento a suon di milioni in un’epoca dove gli sceicchi sono i padroni del mercato e spendono milioni come se fossero centesimi. Così O Ney è pronto per cominciare una nuova esperienza, potrebbe già scendere domani in campo nella sfida di campionato, la sua numero 10 è già esaurita ma, come ovvio, il suo obiettivo sarà quello di conquistare la Champions. Ora è grossa la responsabilità di Emery che si ritrova a gestire numerosi campioni, e dopo l’arrivo di Dani Alves ecco un altro brasiliano per portare in alto il calcio d’oltrealpe.

Forse, per un calcio più equo, bisogna modificare il regolamento del FairPlayFinanziario, che sembra in questo caso favorire i ricchi sceicchi e lascia indifesi i club meno potenti, per un calcio più giusto. Chissà dove andremo a finire, è un gran peccato rovinare uno sport che in passato ha regalato grosse emozioni ma che adesso è diventato soltanto un modo per arricchirsi comprando e vendendo giocatori a suon di milioni.

 

Commenti Facebook