italiane in europa

Si è appena conclusa la prima settimana delle coppe europee formato gironi. Infatti siamo partiti come di consueto dal martedì di Champions dove sono scese in campo sia Juve che Roma in due impegni non certo agevoli contro due spagnole rispettivamente Barcellona e Atletico Madrid. Il risultato non è stato dei migliori, anche perchè la Juventus ha nettamente subito il gioco catalano concedendo molto e non riuscendo quasi mai a tirare in porta. Così il risultato, 3-0, è giusto per il gioco creato sul campo dimostrando ancora una volta che il reparto avanzato bianconero, Higuain su tutti, quando arrivano le grandi sfide, un po’ si nasconde. Meglio è andata alla Roma che deve ringraziare Alisson e Manolas per uno 0-0 che regala un punto prezioso e generoso a Di Francesco per quello che sarebbe un girone di ferro assieme a Chelsea e Qarabag.

La “canzone” non è cambiata il mercoledì, anzi. Il Napoli infatti, complice Reina per l’uscita sul secondo gol certamente rivedibile, torna dall’Ucraina con 0 punti conquistati. Salgono sul banco degli imputati i giocatori simbolo, Hamsik e appunto il portiere rei di aver commesso numerosi errori. Certamente il cammino è lungo, ma ancora una volta il calcio italiano si dimostra inferiore e vulnerabile quando oltrepassa il confine.

Ma finalmente che arriva l’Europa League con il bottino pieno delle 3 italiane. Si comincia alle 19 con l’impresa dell’Atalanta che vince per 3-0 contro l’Everton regalando emozioni non solo ai bergamaschi ma a tutta l’Italia. Vittoria netta anche per il Milan che sbanca Vienna con un netto 1-5 in cui spicca la tripletta di Andrè Silva nel nuovo 3-5-2 disegnato da Montella. Modulo che ora mette in difficoltà il tecnico visti i numerosi giocatori presenti in attacco che ora vedono ridotti i posti da 3 a 2. Suso comincia a traballare, Kalinic rischia il posto, l’unico che al momento sembra sicuro della maglia da titolare è appunto il giovane attaccante portoghese anche grazie all’ottima prestazione in Coppa. Chiudiamo con l’ottimo successo della Lazio in casa del Vitesse per 2-3. Biancocelesti scesi in campo con le riserve, giusto 2-3 elementi titolari ma sono riusciti a vincere a fatica anche grazie all’ingresso dei titolari, primo su tutti Immobile che ha anche realizzato una rete.

In conclusione non possiamo che attestare il dominio spagnolo in ambito europeo, con Barcellona e Real su tutti ma anche Villareal e Sociedad (in Europa League), dimostrando che in fondo la sconfitta subita dall’Italia contro la Spagna qualche settimana fa è solo lo specchio di quello che avviene in Champions e in Europa.

Commenti Facebook